Ripristino Ambientale

 

Di pari passo alla Transizione Alimentare, ovvero focalizzando l'attenzione sulla meta dell'Innocuità a livello Alimentare (Alimentazione Fruttariana), è possibile riprogettare l'ambiente antropizzato e invertire la rotta, tornare indietro verso la semplicità, senza rinunciare però alla tecnologia e al suo sviluppo.

Anche se non si è ancora raggiunta l'alimentazione naturale possiamo - partendo dalla progettazione del nostro ambiente  - trasformare il pianeta in una "Città Giardino", ricca del nostro cibo innocuo e rigenerante, performante ed evoluta, ecologica ed abbondante.

Pochi e semplici sono i punti da seguire per questo Ripristino Ambientale:

1. Esame delle proprie Abitudini Energivore ed Inquinanti (uso la macchina anche quando posso andare in bici o a piedi; compro tante cose inutili con conseguente produzione di rifiuti; acquisto senza riflettere sulla provenienza, sul metodo di coltivazione e produzione, sull'impatto ambientale del materiale che sto acquistando; ecc.)

2. Osservazione e Riprogettazione dell'Ambiente Casa (dispersione energetica; produzione energetica; ricalcolare gli spazi per lo stoccaggio e la trasformazione dei cibi; recupero dell'acqua; ecc.)

3. Progettazione dell'ambiente esterno (creazione di orti, frutteti e giardini nel nostro pezzo di terra, nella terra del vicino o in terre comunali, da soli ma meglio in gruppo)

Uno degli studi che di scuro potrebbero aiutarci in questa fase del percorso verso l'Innocuità è quello della Permacultura:

La Progettazione in Permacultura è un metodo per disegnare, realizzare e gestire in modo produttivo e sostenibile Aree Verdi, Aziende Agricole e Insediamenti Umani in modo che siano in grado di soddisfare i bisogni dell'uomo - quali cibo, fibre ed energia - e al contempo presentino la resilienza, la ricchezza e la stabilità degli ecosistemi naturali.

Tra le tecniche usate in Permacultura la "Food Forest" o il "Food Garden" sono quelle che meglio si prestano alla realizzazione di ambienti in linea col concetto di fruttarismo e di Innocuità Alimentare.

Oltre a questo la Permacultura è anche uno stile di vita, un modo intelligente di pensare il "vivere su questo pianeta", e si guadagna fin da subito e a pieni voti una fetta importante in questo grande contenitore culturale quale è l'Innocuity Movement.

L'Innocuità Totale sotto l'aspetto socio-ambientale risulta paradossale, in quanto anche in una società naturale - nell'idilliaco paradiso terrestre - avremmo bisogno di fibre vegetali per vestirci e materiali edili ricavati dagli alberi per costruire i nostri rifugi. La sfida diventa quindi avvicinarsi quanto più possibile all'innocuità valutando accuratamente ogni nostra scelta.

Possiamo immaginare, ma soprattutto realizzare, una Società nell'Innocuità, impiantata in un ambiente che si avvicina molto ai sistemi naturali, ricca di materiali, tempo libero, tecnologia non inquinante, arte, cultura e bellezza: la nostra personale Transizione Alimentare e il Ripristino del nostro personale Ambiente (e di quello limitrofo al nostro) sono gli step primari per raggiungere tale obiettivo.

Libri consigliati:

"Introduzione alla Permacultura" di Bill Mollison e Reny Mia Slay

"Manuale Pratico della Transizione" di Rob Hopkins

Ricerche consigliate:

"Come realizzare una Food Forest" su YouTube e Google